TAV. 40 DA RODI GARGANICO A PUNTA PIETRE NERE

//TAV. 40 DA RODI GARGANICO A PUNTA PIETRE NERE
TAV. 40 DA RODI GARGANICO A PUNTA PIETRE NERE

PUGLIA – TAVOLA N°40
DA RODI GARGANICO A PUNTA PIETRE NERE

Le due foci di Varano e di Capoiale, che mettono in comunicazione il mare con il Lago di Varano, sono sempre pressochè insabbiate, rilevandosi fondali di circa 1 metro. Tra le due foci vi è una lunga lingua di sabbia con delle costruzioni sparse e vegetazione alle spalle. Prima e dopo le due foci spiccano la Torre di Varano cilindrica e quella di Calarossa, oggi un rudere. Punta Pietre Nere, sulla quale si trova un piccolo gruppo di case, segna l’emissario del Lago di Lesina. Il lago è separato dal mare da una lingua di terra sabbiosa. Poco al largo di questa punta è noto ai locali lo scoglio Sfasciatimoni, 50 cm sotto il pelo dell’acqua, il cui stesso nome ne esprime la pericolosità. Le Isole Tremiti sono di natura rocciosa.

La zona è attraversata in vari punti da cavi sottomarini in corrispondenza dei quali sono assolutamente vietati l’ancoraggio e la pesca. La più estesa tra le isole è quella di S. Domino, le cui coste alte e rocciose creano grotte e insenature caratteristiche. A nord-est della costa si trovano numerosi scogli, i più caratteristici sono I Pagliai per la loro forma particolare. Da notare la secca fuori della Punta del Coccodrillo che, con un fondale di 4 m, può essere pericolosa per la navigazione. Il faro dell’Isola di S. Domino, il n. 3844, è sito all’estremità su di una torretta ottogonale affiancata ad una costruzione su due piani, tutto di colore bianco. Si segnala sull’isola Caprara la presenza del fanale n. 3836, posto su un traliccio bianco, mentre quello dell’isola S. Nicola è posto su un traliccio dipinto a fasce bianche e rosse. L’isola Pianosa, di forma piatta, ha la costa bassa e rocciosa.

A nord dell’isola i fondali sono profondi, mentre a sud si segnala una secca. Sull’isola si trova una torre cilindrica bianca, con sopra il fanale n. 3832; alla torre è affiancata una bassa costruzione rettangolare. Anche le Isole Pelagose fanno parte delle Tremiti: l’Isola Pelagosa Grande, l’Isola Pelagosa Piccola e l’Isolotto Caiola, facenti parte della ex Jugoslavia. La prima è rocciosa e con le sponde ripide. Sulla sommità si trova una torre ottogonale, su costruzione con sopra il fanale n. 5423.

Ad est della torre è posto un traliccio con sopra il fanale n. 5423.2 a luce intermittente rossa; segnala la zona pericolosa. L’isola è circondata da scogli emergenti. La seconda, Pelagosa Piccola, presenta una costa rocciosa e frastagliata ed è circondata da isolotti e scogli siti nella zona pericolosa sopracitata. Infine, Caiola, completamente circondata da scogli che affiorano in vari punti e da numerose secche. Attraversando poi l’Adriatico in questa zona ed utilizzando le Tremiti come un ponte per la ex Jugoslavia, oltre le piccole isole Pelagosa, quasi degli scogli, la prima terra ex Jugoslava che si incontra è l’Isola Cazza. Alcune miglia ad est vi sono l’isolotto Bianco e l’Isolotto Cazziol.

TAV. 39 DALLA TESTA DEL GARGANO A RODI GARGANICO TAV. 41 DA PUNTA PIETRE NERE A PUNTA PENNA
2018-10-30T18:45:29+00:00

Per una navigazione più veloce e semplice scarica la App di Pagine Azzurre
con tutti i nostri servizi a portata di mano anche OFFLINE

Guarda come funziona...

1 Scegli il porto dove vuoi approdare fra gli 876 che hai a disposizione in Italia, Croazia, Slovenia, Costa Azzurra e Corsica.

2 Ti avvicini al porto in maniera sicura con tutte le indicazioni per l’approdo (VHF, ingresso al porto, fondali, pericoli, fari, contatti per le banchine, distributori, etc...).

3 In banchina trovi tutti i servizi che ti occorrono: dai meccanici alle farmacie, dagli ship chandler ai ristoranti, ai supermercati...
(questi dati non sono disponibili sul sito)

4 Nei dintorni trovi le aree marine protette con le indicazioni e i divieti, informazioni utili con articoli di viaggio pubblicati sulla rivista Nautica.