Il porticciolo è composto da uno specchio d’acqua limitato da un molo di sopraflutto in parte banchinato: dato il costante interrimento dei fondali, dovuto alla mancanza del molo di sottoflutto, il porticciolo risulta in gran parte insabbiato. Resta utile per l’ormeggio soltanto l’ultimo tratto del molo frangiflutti.
Pericoli: fondali in continuo mutamento.
Orario di accesso: continuo
Accesso: possono accedere solo imbarcazioni con modesto pescaggio ed usufruire, limitatamente per il tempo necessario allo sbarco/imbarco, dei soli 30 m del tratto di molo destinato all’ormeggio di emergenza.
Fari e fanali: 2583 (E 1695.6) - fanale a lampi verdi, periodo 3 sec., portata 5 M sull’estremità della scogliera del molo di sottoflutto.
Fondo marino: prevalentemente sabbioso
Fondali: in banchina da 0,5 a 1,20 m
Lunghezza massima: 6/7 m, solo per imbarco/sbarco.
Venti: dominanti maestro, libeccio e ponente
Traversia: maestro, libeccio e ponente. Traversia principale è compresa fra 255° e 280°.
Ridosso: levante, scirocco, grecale.
Rade sicure più vicine: Castellammare di Stabia.

I natanti possono ormeggiare al corpo morto servendosi dei servizi messi a disposizione dalla cooperativa “Stella Maris” che, all’interno del bacino portuale, gestisce in concessione uno specchio acqueo.

 

Non sono presenti aree marine protette in questa zona

Servizi in Porto

Acqua in Banchina

 

Moto Ondoso

By | 2018-05-21T12:18:28+00:00 agosto 18th, 2017|Categories: Porti della Campania|Tags: |0 Comments