0%
Attendi qualche secondo per il caricamento di tutti i porti

Tavole delle Marche

/Tavole delle Marche
Tavole delle Marche2018-07-14T16:58:11+00:00

Tavole delle Marche

In questa pagina trovi l’elenco dei porti diviso per tavole, con la descrizione della costa e le tavole dell’Istituto Idrografico della Marina

Tavola 43 da Pescara a San Benedetto del Tronto

All’interno si scorge il Gran Sasso. A nord c’è una serie di piattaforme da cui bisogna tenersi ben distanti: la navigazione, l’ancoraggio e tutte la altre attività sono vietate entro 1000 m dalle piattaforme e nella zona di mare, ampia 2000 m, a cavallo delle condutture sottomarine di collegamento tra le piattaforme e la terraferma.

Tavola 44 Da S. Giorgio a Numana

Il tratto di mare tra Porto S. Giorgio e Porto Civitanova presenta diverse piattaforme petrolifere. A circa 5 M da Porto S. Giorgio ci sono quattro tralicci, che segnalano una zona di ricerche metanifere, sui quali si trovano fanali e segnali da nebbia. Antistante a Civitanova c’é una piattaforma, anch’essa su tralicci. Nella zona sono vietati l’ancoraggio e la pesca.




Tavola 45 da Numana a Fano

Il promontorio è l’unico elemento di rilievo di tutta la costa medio-adriatica. Il Monte Conero, che lo costituisce, spicca per l’altezza (572 m) rispetto al resto dell’andamento costiero: su di esso si notano le 2 antenne RAI, la costruzione di un antico semaforo e quella di un ex convento.
Alle pendici del monte, prima di una lunga spiaggia, si notano due grossi scogli conici denominati “Le Due Sorelle”: poco al largo vi è un relitto affiorante di una nave. Una lunga scogliera protegge a NW la spiaggia sopracitata, inabissandosi lentamente e creando una cresta con 2,50 m d’acqua. Da notare, verso il porto di Ancona, a mezzo miglio dalla costa, un altro relitto segnalato sulla carta nautica e con 8,5 m d’acqua. Il faro n. 3930 è posto sul Colle Cappuccini, ad E del porto di Ancona, su una torre merlata a fasce bianche e grigie. La costa dopo Ancona si abbassa e si susseguono costruzioni isolate e centri abitati ai piedi di colline poco pronunciate.

Tavola 46 da Fano a Cesenatico

A nord di Pesaro, Monte S. Bartolo (197 m), di natura collinosa e coperto di vegetazione, ha, quasi alla sommità, il faro n. 3986, posto su di una torre cilindrica bianca alta 25 m, affiancata ad una costruzione a due piani: la costruzione tende a confondersi con la vegetazione che lascia emergere da lontano, solo la torre. La costa a sud di Cattolica è l’ultima parte rocciosa e si presenta alquanto ripida con alcuni costoni e creste risolvendosi al livello del mare in una ininterrotta spiaggia. Sia ad est che ad ovest di Cattolica la spiaggia è protetta da diverse scogliere poste a circa 90 m da essa. Più a N, la costa è bassa con edifici di varia natura ed insediamenti balneari continui. Sullo sfondo la natura è collinosa. Da Cattolica la costa diviene tutta bassa con vegetazione e innumerevoli costruzioni a vocazione turistica.